Pistola e munizioni non dichiarate, 26enne finisce ai domiciliari

Pistola e munizioni non dichiarate, 26enne finisce ai domiciliari
febbraio 20 17:50 2017

In casa deteneva abusivamente armi e munizioni

Non rispettando la ferrea normativa sulle armi  non aveva dichiarato di essere in possesso di una pistola e di numerosi proiettili per la stessa. E’ questo il motivo per cui F.G., 26enne operaio residente ad Andali, è scattato l’arresto con l’accusa di porto abusivo di armi e munizioni.

Ad operare, nella mattinata odierna, durante un mirato servizio “focus ndrangheta”, i militari della Stazione Carabinieri di Belcastro, unitamente a militari del  Nucleo Cinofili di Vibo Valentia, che hanno eseguito una perquisizione domiciliare nei confronti del giovane.

Ben celate all’interno dell’abitazione di sua proprietà i carabinieri hanno rinvenuto una pistola calibro 22 con matricola abrasa e perfettamente funzionante; cinque contenitori in plastica in cui erano custoditi 168 proiettili per la medesima arma e sei candelotti di polvere da sparo del tipo artifizi pirotecnici denominati “black thunder” .

Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro mentre l’operaio, su disposizione del P.M. di turno, è stato posto agli arresti domiciliari.
(R.M.)