Cassazione conferma carcere per tre giovani catanzaresi

Cassazione conferma carcere per tre giovani catanzaresi
novembre 11 17:59 2017

La squadra mobile trae in arresto Sestito, Melina e Valentino

Dopo il pronunciamento della Cassazione si riaprono le porte del carcere per tre persone ritenute componenti di una consorteria criminale all’interno della città capoluogo.

La Squadra Mobile di Catanzaro, a seguito di ordine di esecuzione emesso dal locale Tribunale – Ufficio Esecuzioni Penali ha tratto in arresto:

  1. Stefano SESTITO, nato a Catanzaro il 29/12/1989, destinatario di un ordine di carcerazione per scontare la pena di anni 5, mesi 8 e gg. 8 di reclusione, per i reati di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, nonché per i reati di furto, rapina e di detenzione illegale di armi.
  2. Alessio MELINA, nato a Catanzaro il 4/10/1992, destinatario di un ordine di carcerazione per scontare la pena di anni 3, mesi 7 e gg. 18 di reclusione, per aver fatto parte di un associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché per il reato di furto e di detenzione illegale di armi.
  3. Fabio VALENTINO, nato a Catanzaro il 5/3/1990, destinatario di un ordine di carcerazione per scontare la pena di mesi 5 e gg. 20 di reclusione, per i reati di rapina e di detenzione illegale di armi.

I provvedimenti sono stati eseguiti su disposizione dell’ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Catanzaro e costituiscono l’esito della sentenza, emessa il 6 luglio 2016 dalla Corte d’appello di Catanzaro.

Il processo – seguito all’operazione All Inclusive di febbraio 2014 (VEDI SERVIZIO TV) aveva consentito di accertare l’esistenza di una consorteria criminale di cui facevano parte i tre arrestati che gestiva un traffico di cocaina, hascisc e marijuana utilizzando canali di approvvigionamento ramificati sulle province calabresi.