Salvi (fino a luglio) i corsi propedeutici del Conservatorio

Salvi (fino a luglio) i corsi propedeutici del Conservatorio
maggio 31 21:06 2017

TROVATI 40MILA EURO DAL FONDO DI RISERVA

I genitori, gli studenti e quanti sono interessati al migliore andamento del Conservatorio di Catanzaro (o dei suoi corsi propedeutici per essere precisi) oggi esprimono una moderata soddisfazione. Lo fanno tramite il legale di alcuni di loro, avvocato Simona Scerbo, che nelle scorse settimane si era rivolto persino al Prefetto Latella per pressare l’istituto Torrefranca di Vibo, casamadre dei corsi catanzaresi.

Oggi infatti, la giunta comunale, presieduta dal sindaco Sergio Abramo ed ascoltata la relazione illustrata dall’assessore alla pubblica istruzione Lea Concolino, ha dato il via libera al prelevamento della somma di 40mila euro dal fondo di riserva per garantire la regolare prosecuzione delle attività presso il Polo didattico di Catanzaro del Conservatorio “Torrefranca”.

L’amministrazione comunale, a causa del blocco delle spese imposta dalla Corte dei Conti alla fine del 2016, nel corso dell’anno accademico ha garantito esclusivamente il servizio di apertura di Palazzo Rossi e gli oneri afferenti la pulizia dei locali, la fornitura delle utenze e il servizio di vigilanza e custodia durante le ore di attività didattica. Solo con l’approvazione del rendiconto di gestione da parte del Consiglio comunale, l’esecutivo ha potuto dare l’ok allo stanziamento delle risorse che consentiranno a tutti gli iscritti al Conservatorio di proseguire l’anno accademico in corso, fino al prossimo mese di luglio, presso il Polo didattico di Catanzaro scongiurando il rischio di ulteriori disagi a carico delle famiglie che sarebbero state costrette farsi carico delle spese di viaggio verso la sede centrale di Vibo.

IL COMMENTO DEL SINDACO

“L’amministrazione comunale – ha commentato il sindaco Abramo – ha sempre manifestato l’intendimento di confermare il pieno sostegno all’attività del Conservatorio per l’alto valore culturale ed educativo che l’istituto riveste soprattutto per la partecipazione attiva della fascia giovanile.

Anche in un periodo particolarmente difficile per le casse comunali, la volontà è stata quella di rinnovare l’intesa con il Torrefranca operando una scelta pienamente garantista, come già avvenuto all’atto della nomina dell’amministratore unico di Catanzaro Servizi, di durata trimestrale, per dar modo alla prossima amministrazione comunale di procedere ad un eventuale rinnovo del vertice.

La stessa volontà di rispettare la massima correttezza e trasparenza istituzionali è stata alla base della decisione di rinviare la nomina del nuovo Sovrintendente del Politeama dopo la tornata elettorale. Abbiamo, dunque, voluto garantire la ripresa delle attività didattiche per consentire agli studenti di prepararsi al meglio in vista degli esami finali, non penalizzando, al contempo, le famiglie che avevano regolarmente pagato la tassa di iscrizione per l’anno accademico in corso. Ogni scelta politica futura in merito alla collaborazione con il Conservatorio di Vibo sarà rinviata al prossimo mese di agosto dopo l’insediamento della nuova amministrazione comunale”.

GUARDA LA NOSTRA INCHIESTA SUL CASO