#OraParlaTu, idee al microfono de #laCalabriacherema

agosto 26 18:28 2016

L’ideatore Daniele Rossi ha inteso premiare alcune best practices regionali


Un timer sul grande schermo a scandire i 3 minuti a disposizione e un microfono aperto. Il risultato è stato un prezioso momento di dialogo e confronto finalizzato a stimolare la partecipazione attiva di una popolazione per antonomasia propensa a lamentarsi, a criticare e a piangersi addosso.

Dalla cultura alla sanità, passando per la viabilità, le imprese, lo sport. Sono state queste le tematiche ricorrenti negli interventi dei cittadini che hanno preso parte all’evento #OraParlaTu organizzato dall’associazione #lacalabriacherema.

In una calda serata di fine agosto sul palco allestito a Copanello di Stalettì, spazio anche per celebrare le energie migliori della Calabria. Una regione che può vantare talenti ed eccellenze, e che in particolar modo può considerarsi ricca e nobile per l’umanità e la sensibilità che appartengono ad alcune realtà.

Un pensiero speciale è stato rivolto alle popolazioni colpite dal terremoto con oltre 200 piatti di pasta amatriciana preparati dallo staff dello chef Abbruzzino e serviti con offerta libera per contribuire alla ricostruzione dei paesi del Centro Italia distrutti dal sisma.

I premiati

Nel corso della serata – conclusasi con l’esibizione musicale della band Folk n’Rolla – sono stati premiati gli esempi di Calabria positiva più significativi: Samanta Lamanna, per il progetto a favore dei bambini autistici “Letitbechildren”; Luca Abbruzzino per gli importanti risultati nel mondo della cucina; Massimiliano Capalbo, tra i fondatori di “Orme nel Parco”; Luca Valentini, del lido “Hangloose Beach” di Gizzeria tra i più conosciuti e apprezzati a livello internazionale per gli sport velici; Antonio Matozzo, presidente della Volley Soverato; i ragazzi del Fiume Lao, per l’importante contributo al rilancio del turismo nel nostro territorio;Domenico Lucano, primo cittadino di Riace; Fabio Corigliano, della cooperativa “Zarapoti”, per aver dato vita al primo lido per disabili; Piero Greco e Mariateresa Rizzo, che con il gruppo “Subacquei senza frontiere” di Paola hanno permesso ai ragazzi disabili di scoprire e conoscere il mare; Giada Cosentino, manager di successo della Zte Corporation.