Primo impianto ICD alla Cardiologia di Lamezia

Primo impianto ICD alla Cardiologia di Lamezia
agosto 17 16:19 2017

Nuova missione ASP per il neo primario Roberto Ceravolo

L’ équipe dell’UOC di Cardiologia dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme (Asp Catanzaro) ha eseguito il primo impianto di dispositivo antitachicardico (defibrillatore) in una paziente in pericolo di vita.

Dopo appena 20 giorni dall’arrivo del nuovo primario di Cardiologia, il dottore Roberto Ceravolo, l’unità operativa della Piana ha ripreso l’attività che erano state sospese 7 anni fa, per via dei continui ridimensionamenti che si sono registrati negli ultimi anni nell’ambito delle attività sanitarie.

Alla donna trattata è stato impiantato il defibrillatore automatico (ICD), dispositivo creato per trattare aritmie ventricolari potenzialmente pericolose per la vita del paziente.

Una buona notizia per la città e l’intero territorio lametino, in quanto l’utenza potrà evitare di recarsi a Catanzaro e perdere tempo prezioso per effettuare delle prestazioni che possono essere eseguite direttamente nell’ ospedale dove ora sono presenti professionalità e strutture adeguate.

Siamo ripartiti – ha affermato con soddisfazione il direttore dell’unità operativa di Cardiologia dott. Roberto Ceravolo – erano anni che in questo ospedale l’attività si era fermata. Si tratta di interventi importanti cui noi possiamo intervenire in soli 10 minuti, come per le coronografie e le angioplastiche.
Questo significa meno viaggi e soprattutto un riscatto cardiologico per l’intero territorio, in quanto sono state riportate delle attività che erano già presenti in passato in questo ospedale. A breve riapriremo anche gli ambulatori, prima bloccati ai pazienti esterni, con una previsione di 600 prestazioni nel solo mese di settembre, in modo da soddisfare le esigenze del territor
io”.