S. Vitaliano, infermieri e proprietà si difendono

S. Vitaliano, infermieri e proprietà si difendono
luglio 15 16:14 2017

La vicenda della Clinica San Vitaliano e della malata di SLA maltrattata

Una tastiera-monitor per gli ammalati di SLA

“Nella vicenda della casa di cura di Catanzaro andranno sicuramente accertate le responsabilità dirette, indirette e reali se le denunce della paziente malata di Sla di maltrattamenti dovessero rivelarsi del tutto vere dal punto di vista delle persone coinvolte.

Ma se questo aspetto fa parte dei compiti della Magistratura, il Collegio Ipasvi è altrettanto attento e vigile a verificare il grado di coinvolgimento degli infermieri coinvolti e una volta accertati i fatti e di pari passo con le decisioni che la giustizia vorrà prendere, agirà dal punto di vista professionale e della responsabilità etico-deontologica in base alle verifiche del coinvolgimento eventuale dei suoi iscritti con i provvedimenti necessari e con la massima rigidità per la tutela della professione e degli assistiti.

Gli infermieri sono sconcertati della vicenda e dei suoi risvolti e i reati ipotizzati  non fanno parte né della loro cultura né della loro professionalità.

Gli infermieri ogni giorno, con abnegazione e spirito di sacrificio, dedicano le loro energie alla cura e all’assistenza di chi vive la fragilità della malattia o della disabilità e la nostra comunità infermieristica non può accettare che il comportamento criminale di qualcuno offuschi l’impegno di tanti che, con coscienza e umanità, svolgono ogni giorno un lavoro difficile nel rispetto della loro deontologia, vocazione professionale e umanità.

Stiano tranquilli i cittadini e i pazienti che gli infermieri hanno come mission quella di prendersi cura delle persone e la professione infermieristica saprà difendere i principi dell’etica professionale che guida i nostri professionisti in scelte che rispondono al principio inderogabile di tutela della salute delle persone.

Il Collegio Ipasvi di Catanzaro è pronto ad assumere le misure del caso e di sua competenza, non appena i fatti saranno accertati nelle singole responsabilità. E i cittadini possono stare tranquilli che tutti gli infermieri delle strutture sanitarie del nostro territorio difenderanno a testa alta loro e la professione e faranno fede alla mission di tutela della salute a cui sono dedicati.”

IPASVI – Catanzaro

La tutela dei pazienti lo scopo precipuo ed essenziale del Gruppo Citrigno

La tutela dei pazienti rappresenta lo scopo precipuo ed essenziale del Gruppo Citrigno.

Quanto allo stato è dato sapere, dalle notizie di stampa, della inchiesta della Magistratura ci lascia sorpresi e profondamente basiti; in quanto da anni vengono garantiti dalla struttura qualità assistenziali con professionalità e competenza riscontrate anche dai numerosi attestati di benemerenza  dai familiari dei pazienti.

Non si può mettere in discussione l’efficienza ed il grado assistenziale  del Centro Clinico San Vitaliano, centro d’eccellenza e punto di riferimento per le malattie neuromuscolari e neuro degenerative.

Ogni responsabilità che dovesse emergere negli episodi allo stato all’attenzione della Magistratura, ci vedono coinvolti nella denuncia e ci riteniamo soggetti offesi riservandoci sin da ora la possibilità di perseguire giudiziariamente eventuali colpe altrui.

Al fine di assicurare la continuità e la qualità dei livelli assistenziale si è provveduto tempestivamente a sostituire il personale inquisito con nuove figure professionali.

Da oltre due anni sono stati istituiti all’ interno del San Vitaliano i punti d’ascolto “AISLA” e “AISM” presso i quali due giorni a settimana i volontari delle associazioni sono presenti per soddisfare eventuali esigenze dei pazienti e dei  familiari.

Fin dall’apertura la proprietà, pur non essendo indicato dai requisiti organizzativi previsti dalle normative vigenti, garantisce ai pazienti l’assistenza medica notturna. Chi può testimoniare sulla qualità assistenziale e sui servizi della struttura, oltre ai pazienti e i familiari che sono stati e sono ricoverati nella clinica, sono i risultati dei momenti ispettivi che si sono succeduti negli anni.

Ogni responsabilità che dovesse emergere negli episodi allo stato all’attenzione della Magistratura, ci vedono coinvolti nella denuncia e ci riteniamo soggetti offesi riservandoci sin da ora la possibilità di perseguire giudiziariamente eventuali colpe altrui.

Ne si può sottacere del grave attacco mediatico che la clinica ed il  grupo Citrigno subiscono in questi giorni in maniera strumentale per fini che disconosciamo e che ha esposto suo malgrado  il Centro  San Vitaliano, ad aggressioni che vanno al di la della logica e del buonsenso. In tal senso ed al fine di salvaguardare gli interessi generali del Gruppo Citrigno in tutti i suoi aspetti è stato dato mandato agli Avv. Saverio Loiero e Salvatore Staiano per valutare eventuali azioni giudiziarie.

  Categoria: