Tombino aperto sul marciapiede, signora intrappolata dentro

Tombino aperto sul marciapiede, signora intrappolata dentro
gennaio 15 08:37 2018

Scene simili si ricordano forse in qualche cartone animato o nelle comiche in bianco e nero degli anni ’60.

Ma non è stata affatto divertente l’ avventura occorsa ad una signora catanzarese la quale sabato procedeva a piedi sul marciapiede che da Mater Domini scavalca la tangenziale e porta a S.Antonio.

La povera donna ha messo il piede su un tombino semi aperto cadendovi incastrata dentro.

Alcuni automobilisti passanti si sono subito fermati prestando soccorso alla malcapitata che, per grande fortuna, non ha subìto conseguenze oltre al grande spavento.

Un episodio increscioso ed incredibile che inchioda alle proprie responsabilità coloro che sono addetti alla manutenzione stradale e dei tombini in particolare.

Già in passato, hanno rilevato i residenti dei quartieri, si è verificato un episodio simile e sempre nello stesso punto. Una signora in quel caso si procurò la frattura ad una gamba.

Ma non è l’unico caso di pericolo incombente.

Anche in altri quartieri della città, specie dopo un acquazzone i tombini si sollevano; altri sono rotti, altri ancora in notevole dislivello con la sede stradale. In alcune zone addirittura le grate mancano, per lavori non terminati o per sottrazione indebita.

Visto che l’amministrazione Abramo è molto attenta a risparmiare, sarebbe cosa utile mettere mano al capitolo ‘spese legali’ perché ogni incidente procurato dalle condizioni di strade e tombini porta inevitabilmente ad ingenti spese da indennizzare.