Società in house per salvare la “F.Campanella”

Società in house per salvare la “F.Campanella”
ottobre 02 05:45 2013

Davanti al Prefettura una soluzione a più firme evita la chiusura. Basterà?

 

– Una societa’ in house che possa “salvare” il futuro dei dipendenti della Fondazione “Campanella” di Catanzaro, con la stessa struttura che potrebbe cosi’ proseguire la sua attivita’. E’ questa, in sintesi, la soluzione individuata nel corso della riunione tecnica che si e’ svolta nella Prefettura di Catanzaro alla presenza di tutti i rappresentanti istituzionali interessati. Dopo piu’ di quattro ore di riunione, presieduta dal prefetto Raffaele Cannizzaro, e’ stato sottoscritto un accordo che prevede la prosecuzione delle attivita’ del polo oncologico, interrotte in questi giorni per la mancanza dei fondi e una normativa che potesse consentire la prosecuzione delle attivita’. Secondo l’accordo, la Fondazione “svolgera’ attivita’ di ricerca in campo oncologico e partecipera’ al percorso formativo del corso di laurea in medicina e delle professioni sanitarie dell’Universita’ Magna Graecia”. Per quanto riguarda il personale delle unita’ operative non oncologiche, “rientrano entro il 30 ottobre 2013 nell’Azienda ospedaliera Mater Domini con il personale dipendente dall’Universita’ Magna Graecia e con il personale dipendente dall’Azienda ospedaliera Mater Domini”. Diversa, invece, la soluzione per il personale della Fondazione non legato alle unita’ oncologiche. Il documento sottoscritto, infatti, prevede “la costituzione da parte dell’Azienda Mater Domini, dell’Azienda Pugliese-Ciaccio, dell’Azienda sanitaria provinciale, della Regione Calabria e dell’Universita’ Magna Graecia di una societa’ a capitale interamente pubblico retta secondo l’istituto della in house providing, e apprestata per fornire servizi di natura strumentale agli enti soci”. Garantita anche la cotinuita’ operativa, dal momento che “nelle more della definizione, il personale della Fondazione continuera’ a prestare la propria opera presso la Fondazione stessa”. A sottoscrivere l’accordo, le firme del presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti; del rettore dell’Universita’, Quattrone; dei sub commissari al Piano di rientro, Pezzi e D’Elia; quindi del dirigente generale del Dipartimento regionale salute, del presidente della Fondazione Campanella, dell’Azienda Mater Domini, dell’Asp e del sindaco di Catanzaro. (AGI). CatanzaroTv, che ha raccolto le dichiarazioni di alcuni tra i presenti (pochi in verità), vi propone la lettura integrale del comunicato da parte di S.E. il prefetto Cannizzaro che specifica i particolari dell’accordo.

  Categoria: