Cosentino, prime parole da Presidente nazionale Dilettanti

ottobre 24 21:02 2015

Le dichiarazioni del dirigente catanzarese subito dopo l’elezione ai vertici del calcio LND

    L’Assemblea Straordinaria Elettiva della Lega Nazionale Dilettanti, tenutasi oggi presso l’Hotel Hilton Rome Airport di Fiumicino, ha eletto Antonio Cosentino presidente della LND. Un movimento che coinvolge 13.000 società, che permette che si giochino 700.000 partite l’anno e che impegna 1 milione e 200 mila tesserati. Cosentino, già vicario sotto la presidenza di Felice Belloli e reggente LND dallo scorso 22 maggio, rimarrà in carica fino alla scadenza del corrente quadriennio olimpico 2012/2016. Con l’elezione di Antonio Cosentino a presidente della LND vengono ripristinati i poteri del Consiglio Direttivo della LND con Alberto Mambelli che va ad assumere il titolo di vicario in quanto più anziano tra i vice presidenti. Presente tutto il gotha del calcio italiano: il presidente della FIGC Carlo Tavecchio, il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi, i membri d’onore della Federazione Franco Carraro (membro Cio) e Antonio Matarrese, l’ex presidente della FIGC e Membro della Giunta CONI Giancarlo Abete, il Presidente del Settore Giovanile Scolastico nonché numero uno del CR Puglia LND Vito Tisci, il vice presidente dell’AIA Narciso Pisacreta, il presidente del Settore Tecnico Gianni Rivera e la coordinatrice della Commissione Sviluppo per il calcio femminile Rosella Sensi. Presenti per il CONI il segretario generale Roberto Fabbricini ed il capo di gabinetto Francesco Soro. Per l’Adise è intervenuto il presidente Carlo Regalia. Davanti ai presidenti dei Comitati Regionali ed ai delegati assembleari presenti Antonio Cosentino, dopo aver ricoperto praticamente tutti i ruoli apicali nel corso della sua carriera da dirigente sportivo, ha compiuto l’ultimo passo giungendo al vertice della Lega Nazionale Dilettanti. Dimostrando ancora una volta il consueto garbo, la cura per i dettagli e l’attenzione per tutto il mondo federale Antonio Cosentino ha ringraziato tutte le componenti della FIGC-LND, dai Presidenti, passando per i Dirigenti arrivando ai dipendenti e collaboratori. “A tutti sono note le vicende che hanno coinvolto la Lega Nazionale Dilettanti negli ultimi tempi. Dallo scorso 22 maggio, in quanto vice presidente vicario, ho assunto la carica di Reggente della LND. In questo periodo ho affrontato la nuova missione con attenzione ed equilibrio condividendo ogni mia scelta con le parti in causa perché credo fermamente nella collegialità”. Cosentino ha fatto una panoramica delle principale attività svolte dalla LND durante il periodo di reggenza: “Contributi economici erogati per il fondo di solidarietà, riduzione della tassazione per i finanziamenti concessi ai Comitati, possono essere iniziative poco conosciute e accattivanti, sono invece due provvedimenti di importanza strutturale”. Sempre con una veloce sintesi Cosentino ha continuato a ricordare altre attività portate avanti durante la reggenza: “Maggiore impulso alle iscrizioni e tesseramenti on-line, agevolazione del micro credito per le società, sviluppo dell’impiantistica sportiva con accordi ad hoc per finanziare progetti virtuosi. E ancora, estrema attenzione per la crescita dei Centri di Formazione Federale FIGC-LND (quattro già in attività, altrettanti in fase di completamento) con il lancio di progetti utili per la collettività come quello “Nutrizione è salute”. Tutte iniziative portate avanti grazie al confronto sincero, costruttivo e leale con tutte le componenti coinvolte”. Cosentino poi è entrato nel merito della sua elezione: “Dopo 47 anni d’impegno nella Lega Nazionale Dilettanti e nel Settore Giovanile Scolastico, sono capace ancora di commuovermi ed emozionarmi perché è un onore aver ricevuto la proposta di candidatura. Un atto di fiducia e di stima nei miei confronti che mi riempie il cuore di gioia”. Una volta domata l’emozione Cosentino ha illustrato le linee programmatiche del suo operato futuro: “Stabilità sarà la parola d’ordine del mio mandato cercando di puntellare la LND dove ce ne fosse bisogno migliorando i servizi per le Associate, sempre con un occhio attento ai costi di gestione”. Così il presidente FIGC Carlo Tavecchio è intervenuto all’assemblea: “La Federazione sta affrontando con determinazione e grande dignità il momento di crisi generale del Paese. Il calcio sta vivendo attacchi esagerati, Ci sono stati sicuramente comportamenti censurabili, questo è vero, ma è necessario difendere il nostro movimento al quale vanno riconosciuti oneri ma anche onori. Con la scelta di Cosentino il Sud ha vinto. Vi era quasi un obbligo morale nei confronti di questa area geografica, per troppo tempo priva di un suo rappresentante al vertice della Lega Nazionale DilettantI. La LND rappresenta il mondo del volontariato che va sostenuto perché svolge un’attività sportiva e sociale fondamentale”. Parole di apprezzamento per Cosentino sono arrivate anche dall’ex numero uno della FIGC Giancarlo Abete e dai due membri d’onore della FIGC Franco Carraro e Franco Matarrese.