Basso Profilo, torna in libertà il commercialista Le Rose

Il Tribunale di Catanzaro, presieduto dalla Beatrice Fogari, ha revocato la misura cautelare degli arresti domiciliari applicata al commercialista Francesco Le Rose nell’operazione c.d. Basso Profilo.

Con articolata istanza, in particolare, gli avvocati Iacopino e Monaco hanno evidenziato al Collegio come nel corso dell’istruttoria dibattimentale finora espletata, peraltro riguardante la sola prova “a carico”, siano stati chiariti molti aspetti della vicenda che avevano determinato l’applicazione della misura coercitiva.

Ancora, i legali hanno evidenziato come il lungo iter processuale abbia prodotto, per l’imputato, danni irreversibili, oltre che sul piano personale e familiare, anche su quello professionale, nonostante sia emerso in dibattimento che lo Studio Le Rose, operante sul mercato da oltre 20 anni, avesse vasta clientela e godesse di buona reputazione per competenza e professionalità.

Una reputazione consolidata che, tuttavia, non ha impedito allo tsunami giudiziario di abbattersi sul professionista e sul suo studio, determinandone la chiusura, quale effetto sociale del giudizio maturato per la stessa esistenza del processo, a prescindere dagli esiti che produrrà.

Di qui, l’ulteriore profilo, pure evidenziato dai difensori, del venir meno delle esigenze cautelari poste a fondamento della misura originariamente disposta.

Il Tribunale, sentito anche il Le Rose, che ha rilasciato dichiarazioni spontanee, all’esito della camera di consiglio ha accolto in pieno l’istanza di revoca, restituendo in toto la libertà al professionista.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


quattro × quattro =