Donato: “Rafforziamo la cerniera centrale calabrese”

“Catanzaro deve esercitare autorevolmente le funzioni di capoluogo della Calabria. Questo è uno dei nostri impegni politici preminenti, per toglierla dal cono d’ombra e restituirle il ruolo che le spetta nello scenario nazionale.

Ma insieme va tenuta d’occhio la questione dello sviluppo dell’istmo Catanzaro-Lamezia Terme, che, dotato di infrastrutture materiali e immateriali di primissimo ordine, deve diventare un polo d’interesse strategico regionale”.

L’ha detto il candidato sindaco Valerio Donato incontrando gli esponenti delle liste “Catanzaro Azzurra” e “ProgettoCatanzaro”.

***

Ha aggiunto: “Un’area centrale decisiva, per la ricerca e la definizione di politiche capaci di fare di quest’ area critica, la sede di un autentico sviluppo produttivo agricolo, industriale e turistico moderno e di servizi innovativi per l’intera Calabria. Sarà necessario riprendere la discussione con tutti i soggetti  istituzionali, sociali, imprenditoriali e culturali.

Ed è tempo di ridarle priorità nell’agenda della politica,  perché, come sosteneva  l’on. Costantino Fittante (sindaco del Comune di Sant’Eufemia Lamezia dal ’60 al ’67), le Province di Cosenza, Salerno e Potenza hanno stretto una collaborazione per la nascita di un’area forte inclusiva del golfo di Policastro, l’alto Tirreno cosentino, la piana di Sibari e il massiccio del Pollino.

A Sud c’è  la città metropolitana dello Stretto, mentre l’area centrale dormiente, a fronte di questi assetti territoriali ed istituzionali, rischia di diventare anziché l’elemento di saldatura, la linea di frattura delle due Calabrie”.

***

Infine il candidato sindaco ha sottolineato: “Per ridare slancio all’area centrale, non mancano certo le elaborazioni  formali assunte nel passato. Penso al ‘Patto per lo sviluppo dell’area dei Due Mari’, sottoscritto dai Presidenti di Regione e Provincia pro tempore, on. Agazio Loiero e on. Wanda Ferro, e dai sindaci on. Rosario Olivo (Catanzaro) e Gianni  Speranza (Lamezia); ai ‘Piani strategici’ adottati dalle due città che contengono gli elementi per la direttrice di sviluppo integrato Ionio-Tirreno, al ‘Piano di coordinamento provinciale’ adottato dalla Provincia.

Ciò che adesso occorre fare in conclusione è vincere  immobilismi e chiusure localistiche e provare concretamente, dando impulso ai necessari processi sinergici per creare sviluppo sostenibile e ricchezza generale, a indirizzare nella giusta direzione il corso degli eventi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


venti + quattro =