Elezioni: “Non si speculi sul mio nome e l’appartenenza”

riceviamo e pubblichiamo da Vincenzo Speziali

“La politica è una delle passioni della mia vita, ma soprattutto è senso di responsabilità e sentito spirito di servizio verso la gente e i cittadini.

In questo periodo, nonostante le tante difficoltà logistiche (pure dovute all’ennesima estate con in più la recrudescenza covid), ho cercato e continuerò a cercare di creare un’area di responsabiltà, di credibilità e di governabilità, che solo il centro politico, può garantire ed interpretare, forte della sua tradizione e della sua cultura.

Rivendico, nella vita associativa e di categoria, la mia orgogliosa e coerente appartenenza alla Coldiretti, che è un caposaldo di buona rappresentanza sociale ed identitaria, la quale ha da sempre contribuito allo sviluppo e alla rappresentanza di lecite istanze, non solo dei suoi associati, bensì di tutti gli italiani.

Qualcuno fa il mio nome per candidature, ed io rispondo che la politica si fa per amore e non per prebende, anche se non nego che fa piacere essere considerati per una rappresentanza istituzionale, la quale è nel solco della mia formazione e della mia famiglia tutta.

Ciò premesso, come pure il mio amico Clemente Mastella sa, io sono per una larga area, quindi le mie valutazioni, saranno compiute con serenità e con l’ausilio di un confronto della mia associazione, la quale -ben inteso!- non fa politica e deve restare al di fuori di qualsiasi strumentalizzazione.”

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


14 − otto =