Girifalco, due giorni per ricordare le vittime di via D’Amelio

Alla manifestazione "I volti della legalità" anche il procuratore dell Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri

“Erano passati soltanto due mesi dalla strage di Capaci e l’Italia viene sconvolta da un nuovo terribile attentato in cui perdono la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina”. Lunedì 19 luglio l’Italia si fermerà, ancora, per ricordare le vittime della strage di via d’Amelio. Lo farà, pure, Girifalco con una manifestazione denominata “I volti della legalità”.

Due gli appuntamenti: il 19 luglio alle 18.30, il 20 luglio alla stessa ora. Le iniziative si svolgeranno nell’area verde Peppino Impastato in viale Sandro Pertini (in caso di pioggia si svolgeranno a Palazzo Ciriaco, in corso Roma, sempre nel rispetto delle normative anti Covid). Il programma della manifestazione, promossa dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Pro Loco, Prociv, Connecting Europe, EcoMeeting, Il Paese delle Meraviglie e Tele Pepè, prevede lunedì 19 luglio alle 18.30 la presentazione del libro di Giovanni Impastato “Mio fratello. Tutta una vita con Peppino”. A conversare con l’autore, dopo i saluti del sindaco Pietrantonio Cristofaro e l’introduzione del vicesindaco Alessia Burdino, sarà il giovane neodiplomato al Liceo Scientifico Majorana di Girifalco, Giuseppe Stranieri. La serata sarà allietata dalla musica di Francesca Marinaro. Nel corso della due giorni si terrà, inoltre, l’estemporanea di pittura organizzata e curata dalla Pro Loco sul tema della legalità. Martedì 20 luglio, alle 18.30, il Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri presenterà, invece, il suo ultimo lavoro – scritto insieme ad Antonio Nicaso – “Non chiamateli eroi”. A conversare con Gratteri – dopo i saluti del sindaco Pietrantonio Cristofaro e l’introduzione del vicesindaco Alessia Burdino – sarà il giornalista Saverio Simone Puccio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


1 × cinque =