Il ‘Checkmate’ a Lido: yacht di lusso fuori dal porto di Catanzaro

CITTA' ANCORA INCAPACE DI COSTRUIRE L'INFRASTRUTTURA

Torna l’estate e tornano i grandi yacht davanti al mare di Catanzaro.

Da qualche ora stazione a poche centinaia di metri dall’ingresso del …porto lo yacht di lusso Checkmate.

La nuova, ennesima recriminazione di una città con tanto mare ma che di mare non vuole vivere.

Quanti ospiti eccellenti potrebbero stazionare un giorno o più sulle nostre coste se ci fosse una infrastruttura decente ad ospitarli?

 

LA DESCRIZIONE

Si chiama “Checkmate”, che vuol dire “scacco matto”, in onore della passione del suo armatore, un americano del quale solo questo si sa. È l’ultimo nato in casa Benetti, varo importante ieri mattina, con la Darsena sospesa tra la crisi e la speranza che la nottata passi.

Bella immagine, soprattutto di leggerezza. Ed è questa la vera arte della nautica viareggina: costruire colossi del mare con le linee da libellula.

Lungo 44,50 metri e largo 8,20, “Checkmate” pesca 3 metri e 20 e raggiunge una velocità massima – grazie ai suoi due motori da 2mila cavalli ciascuno – di 16,5 nodi ed una velocità di crociera di 12 nodi, considerati ottimali. A bordo due generatori da 900 chilowatt assicurano un’autonomia di 3.400 miglia. Autonomia supportata anche da 22mila litri d’acqua dolce e 80mila di gasolio.

Così, all’interno, domina il ciliegio, mentre la zona prendisole è dotata di piscina idromassaggio. Quattro i ponti, e lo yacht è dotato anche di una zona privata riservata solo all’armatore. Zona alla quale si accede esclusivamente tramite la cabina del proprietario.

Nel garage sono disponibili un gommone idrogetto da sei metri di lunghezza e due moto d’acqua, seicento di cilindrata. L’ideale per raggiungere le spiagge più isolate e riservate.

(Foto-teleobiettivo di Ezio Rotundo)

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


11 + uno =