Due agenti Polfer aggrediti da un extracomunitario

STAZIONE DI LAMEZIA TERME

Non è documentata da filmati come in altre parti d’Italia ma l’aggressione c’è stata. Eccome.

Nel corso di un controllo di routine un extracomunitario ha aggredito violentemente due agenti della Polizia ferroviaria di servizio presso la stazione di Lamezia Terme

Il referto parla di 20 giorni di prognosi.

La beffa ulteriore è che il posto di polizia, già ampiamente sottoorganico, perde così per tre settimane altre due unità.

IL BIASIMO DEL COISP-MOSAP

Siamo stanchi di registrare l’ennessima e vile aggressione in danno dei poliziotti ,verso i quali manifestiamo tutta la nostra solidarietà.

Colleghi che ogni giorno con passione, dedizione e grande professionalità fanno l’impossibile per dare ai cittadini una città sicura e in cambio ricevono umiliazioni e vili aggressioni , come successo ieri presso la stazione ferroviaria di Lamezia Terme ove due agenti della polizia ferroviaria  sono stati aggrediti con ferocia inaudita da un cittadino extracomunitario nel corso di un controllo di polizia, tanto da far riportare su poliziotti intervenuti 20 giorni di prognosi.

Questo a nostro giudizio non è più tollerabile e siamo pronti ad indire una manifestazione di protesta per fare si che i nostri colleghi non siamo abbandonati a loro stessi , visto che chiediamo da anni di  colmare le vacanze organiche esistenti ma nessuno ci ascolta.

Pertanto  adesso ci aspettiamo un adeguata e celere risposta dello stato,  che deve prevedere un immediato potenziamento del posto di Polizia ferroviaria che da un organico di oltre  30 unità si trova ad operare con sole 15 unità , situazione assolutamente deficitaria , in cui versa anche il Commissariato Lametino dove le vacanze organiche rischiano di  portare anche questo presidio al collasso .

Nel concludere lanciamo un appello ai Parlamentari calabresi  di ogni schieremento politico, il tempo delle parole deve lasciare il passo alle azioni concrete, che debbono concretizzarsi in un immediato e tempestivo rimpinguamento  delle vacanze organiche previste  per il posto di Polizia ferroviaria   e  per il Commissariato di Lamezia entrambi  presidi indispensabili per garantire l’ordine e la sicurezza pubblica in questa area strategica della nostra regione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


sei − quattro =