Lauree UMG per Malago’ e Pancalli – VIDEO

YouTube player

Su proposta dell ex campione olimpionico Daniele Masala, oggi docente a Catanzaro, l ‘ universita Magna Graecia ha conferito la Laurea ad Honorem ai presidenti Giovanni Malago’ del Coni ed a Luca Pancalli del Comitato Paralimpico.

Il programma della cerimonia di conferimento, particolarmente suggestiva, ha registrato l’introduzione e i saluti del Rettore dell’Umg Giovambattista De Sarro, la presentazione del professore Antonio Ammendolia, ordinario di Medicina fisica e riabilitativa all’Università Magna Graecia, e la “laudatio” di Daniele Masala, campione olimpico in passato e oggi associato di Metodi e didattiche delle attività sportive all’ateneo catanzarese.

Quindi, la “lectio magistralis” di Malagò, incentrata sullo sport italiano, modello di successo per lo sviluppo del Paese, e la “lectio”di Pancalli, incentrata sul percorso culturale e sociale del movimento paralimpico nella società italiana, divenuto, da eccellenza sportiva, strumento di welfare attivo.

Al termine, il Rettore De Sarro, a nome della comunità accademica catanzarese, ha conferito le lauree magistrali: all’iniziativa ha contribuito anche il calabrese Mico Delianova Licastro, presidente della Delegazione Coni/Usa con sede a New York.
“Sono onorato nel vero senso della parola, una cosa bellissima, inaspettata”, ha commentato Malagò: “La materia – ha aggiunto il presidente del Coni – credo di conoscerla, soprattutto per qualche anno di militanza da volontario, partendo dal mondo dell’associazione, dei grandi eventi, poi la parte istituzionae. Ringrazio l’Università Magna Graecia di Catanzaro, il professor Masala, il Rettore: spero di essere all’altezza di questo riconoscimento”. Per Pancalli si tratta di “un riconoscimento inaspettato, sicuramente immeritato.

Lo ricevo con grande orgoglio ma non tanto a titolo personale quanto a nome di tutto il movimento che rappresento perché se oggi mi è stato concesso questo onore è per quello che abbiamo fatto, i risultati non sono mai il prodotto di un uomo solo al comando ma di una squadra, di un movimento che in questi ultimi 30 anni ha creduto nel percorso che abbiamo intrapreso e i cui risultati sono noti a tutti”. De Sarro, infine, ha evidenziato che con questa giornata “si dà dignità allo sport per migliorare i rapporti tra i giovani e i non giovani e coloro che hanno problematiche che devono essere ridotte al massimi per favorire a tutti di praticare lo sport, che non è solo socializzante ma è importante anche per la salute dell’uomo”.

Prima dell’inizio cerimonia le note dell’Inno di Mameli cantate dal soprano Miriana Screnci e suonate dal pianista maestro Amedeo Lobello, docente del conservatorio Tchaikovsky di Catanzaro-Nocera Terinese

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


nove + sedici =