Policlinico, ditta pulizie: “Hanno scioperato solo in 3”

Riceviamo e pubblichiamo da Coop Meridionale Servizi*

A rettifica di quanto pubblicato il 15.6.2022 relativamente all’articolo “Policlinico Mater Domini, venerdì 17 sciopero delle pulizie”. 

Si legge nel Vostro articolo che l’Azienda, relativamente alla promulgazione dello sciopero indetto dalla USB di Catanzaro ha diffidato dal “non effettuare lo sciopero” e si è rifiutata dal “sedersi al tavolo per discutere di lavoro”.

Si legge ancora” che l’appalto al Policlinico di Germaneto a Catanzaro per le pulizie come al solito è sempre al maggior ribasso si applica sulla pelle delle donne quelle maggiormente colpite dal groviglio di NON regole”. Ed ancora“ Personale che lavora part time “base” …poi durante la settimana sempre a discrezione della ditta appaltatrice “Coop. Meridionale Servizi” se gli servi applichiamo una specie di contratto “pluri” dove ti vengono richieste in aggiunta altre due ore in più- in definitiva lavoratrici ad utilizzo e consumo della ditta.

Inoltre si aggiunge il non riconoscimento degli scatti di livelli del personale “storico”, che è appunto da anni ed anni lì a lavorare in quello stesso luogo, e gli stessi si ritrovano con i livelli con cui ha iniziato a lavorare, un normalissimo livelli basici…..E sempre in tema di sfruttamento di bassa manodopera questo spezzettamento di orario non riguarda tutto l’organico della ditta di pulizie , ma solamente una parte di mamme, donne non privilegiate, oramai senza forze, che lavora per mantenere puliti i reparti dell’ospedale ed a fine giornata sono a pezzi. Queste le condizioni di lavoro delle madri calabresi, con condizioni di lavoro sminuzzati e salario peggiorativo. Sono tutti bravi a fare gli eroi, però con la pelle degli altri.”

***

Tali affermazioni del responsabile del sindacato USB di Catanzaro, sig. Antonio Jiritano non rispondono al vero e sono state già contestate ed impugnate nel corso di uno scambio di mail avvenuto nei giorni scorsi tra la Meridionale Servizi Soc. Coop e la USB.
In particolare, con la pec del 14.6.2022 l’azienda ha ribadito che le lavoratrici, “sfruttate” per lo “spezzettamento” di orario, sono state assunte per ricoprire determinati turni di lavoro dettati dalla Committente in base agli orari del Policlinico. Il tutto è stato stabilito nel contratto di appalto.

L’orario “spezzettato” è stato indicato nel contratto di lavoro che è stato visionato dalle lavoratrici e sottoscritto dalle stesse consapevoli di come si sarebbe svolto il loro rapporto di lavoro. Si precisa che alcune lavoratrici “storiche” osservavano già questo orario di lavoro “spezzettato” poiché richiesto dall’esigenze del servizio ospedaliero già al momento del cambio appalto. Appare quindi, alla luce di quanto esposto, che le accuse false e tendenziose mosse all’Azienda, non solo non rispondono al vero ma sono dirette esclusivamente a diffamarne l’operato. La Meridionale Servizi Soc. Coop. ha agito nel rispetto delle leggi e delle regole contrattualmente previste. In riferimento alla dichiarazione del mancato riconoscimento degli scatti di livello richiesto per il personale “storico” giova sottolineare che i lavoratori sono inquadrati nel livello di appartenenza in base alle mansioni svolte.

***

L’Azienda, inoltre, nella pec del 14.6. u.s. inviata alla USB di Catanzaro ha invitato e diffidato la USB non “dal fare lo sciopero” (come riportato erroneamente dal suo giornale), ma a non strumentalizzare argomenti non veritieri al solo fine di screditare l’azienda per giustificare l’adozione di un provvedimento quale lo sciopero.
Ma v’è di più!!! L’azienda ha terminato la pec con l’invito ad un incontro a cui la USB di
Catanzaro con una pec del 15.6.22 ha aderito cordialmente.
Allo sciopero indetto in data odierna hanno aderito tre lavoratrici

*Appaltatrice servizi pulizia Policlinico Mater Domini Catanzaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


sei + dodici =