Rimosso relitto migranti dall’arenile dello Jonio catanzarese

In località di Vodà, nel Comune di Badolato (CZ), l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha completato la rimozione dall’arenile di un peschereccio in ferro di oltre 20 metri.

Un’operazione particolarmente complessa a causa delle notevoli dimensioni del peschereccio e del rilevante insabbiamento subito nel corso dei mesi, che è stata portata a termine nella tarda serata anche grazie all’utilizzo di diversi mezzi cingolati.

L’imbarcazione era giunta nel litorale catanzarese a novembre del 2021 con oltre 120 migranti di nazionalità siriana e afgana a bordo e, solamente alla fine del mese di luglio 2022 era stata assegnata ad ADM per la rimozione e smaltimento.

In poco più di tre mesi la Direzione Regionale Calabria, diretta ad interim dal Direttore Generale Marcello Minenna, ha gestito le complesse procedure amministrative per l’affidamento delle attività, portando rapidamente a termine la rimozione dell’imbarcazione.

Tale intervento, svolto sotto la supervisione dei funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Catanzaro, consentirà di preservare il sito, oggi completamente bonificato, da ulteriori danni ambientali nonché di restituire alla località turistica di Badolato la possibilità di fruire la porzione di spiaggia in questione senza pericolo per l’incolumità pubblica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


cinque × 4 =